Siamo quasi emiliani!!!


Castelnuovo Berardenga,21 ottobre 2008 – Siamo quasi emiliani

tortellini
Abbiamo provato a fare i tortellini e….mmmmmm che buoooni!!!
Sono venuti ancora leggermente grossi per i miei gusti ma che sapore; siamo ormai così abituati al gusto di quelli pronti, peraltro devo dire che alcuni sono anche buoni, che non ci ricordiamo veramente più quel sapore delicato, del tortellino fatto e cotto.
Io, Ervis, che ha festeggiato gli anni ieri e quindi auguroni, e Luca abbiamo fatto una bella vassoiata di tortellini e li abbiamo cotti per il resto della truppa.
I complimenti si sono sprecati e per questo faccio che darvi la ricetta di questa bontà.

Tortellini Emiliani
la pasta è la classica per ogni etto di farina 1 uovo intero ma senza aggiungere sale

premetto che per il ripieno, come tutti i piatti di tradizione casalinga, la ricetta varia da famiglia a famiglia e che la mia è forse la più standad:
le dosi sono in proporzione
1/4 di polpa di manzo
1/4 di polpa di maiale
1/4 di prosciutto di Parma
1/4 di Mortadella: la vera Bologna!!!

calcolare il totale del peso e calcolarere 1/3 di parmigiano reggiano invecchiato il più possibile
uova

sembra difficile ma non lo è io ho fatto così:

per 500 gr di farina e 5 uova
100 gr di polpa di manzo
100 gr di polpa di maiale
100 gr di prosciutto di Parma
100 gr di Mortadella
135 gr di Parmigiano
2 uova

cuocere in poco olio e.v.o. il manzo e il maiale tagliati a dadi grossi, passare nel tritacarne la carne cotta con mortadella e prosciutto almeno 3-4 passate o nel robottino fino a quando non è senza grumi. Unire il parmigiano e infine le uova che, a seconda della grandezza, possono essere più o meno. La consistenza dell’impasto deve risultare omogenea e non troppo asciutta.

Tirare la pasta e formare dei quadretti regolari con un massimo di 4 cm. per lato, io li ho fatti di 5 ed erano un po’ grandi ma sono più facili da chiudere.
Mettere una pallina di impasto al centro, chiudere a triangolino e infilare l’indice al centro e chiudere col pollice i due angoli più lontani e piegare il tezo angolo verso l’esterno. E’ più complicato a dirsi che a farsi.
Una dozzina a testa asciutti per un pasto con tutte le portate o 2 dozzine per una bella abbuffata.
PS li ho messi in menù.

Tag:, ,

Lascia un commento